Tenace come l’Inferno

Mi chiamo Jophiel, sono un angelo e il mio peccato peggiore potrebbe essere l’unica opzione di salvezza dell’universo.

14,00 
16,00 
albero
Quando la rota, che Tu sempiterni desiderato, a sé mi fece atteso, con l’armonia che temperi e discerni, parvemi tanto, allor, del cielo acceso de la fiamma del sol, che pioggia o fiume lago non fece mai tanto disteso.
Dante, Paradiso, I, 76-81
Forte come la Morte

Trama

Sono un essere di pura luce, oggi lo so.
La mia intera esistenza è sempre stata volta al Bene sopra ogni cosa e oggi più che mai dovrei avere questa ferma consapevolezza.
Ogni mia certezza, però, è ormai in frantumi.
Mi chiamo Jophiel, sono un angelo e tutta la Sphaera Caelestis sa chi sono visto che, per millenni, sono stato il sacrificio che ha sancito il patto tra angeli e demoni.
La mia anima eterea, però, è stata sporcata da sensazioni che mai avrei dovuto conoscere.
Resisterò o perpetrerò il più grande tradimento della mia razza?
Conosco quale comportamento si aspetta da me Jeliel, mio padre, ma non posso rinnegare Lei.
Tutto quello che ho sempre creduto giusto mi appare scorretto e quello che tutta la mia razza considererà il mio errore supremo mi sembra l’unica decisione possibile per me.
So che dovrei convincermi che un angelo non nutre certi sentimenti sbagliati, sono consapevole che dovrei gioire della cattura di un demone e delle informazioni che potremmo estorcerle sui piani di Lucifero, che non dovrei provare altro che odio per Lilin, perché è così che si chiama la creatura che mi ha ingannato facendomi innamorare.
Ma non posso.
La mia scelta è già compiuta, devo solo attuarla.
Mi chiamo Jophiel, sono un angelo e il mio peccato peggiore potrebbe essere l’unica opzione di salvezza dell’universo.

Tenace come l'Inferno
Tenace come l'Inferno

Bene e Male

Dopo settemila anni trascorsi a reincarnarsi per il bene dell’umanità, non è facile per Jophiel fare i conti con la sua nuova realtà.

Umile, buono e coraggioso, è l’angelo con il potere più grande del Paradiso anche se ancora non lo sa.

I suoi obblighi e la sua posizione sembrano molto chiari, ma… qualcosa in lui è cambiato. Dentro il suo cuore alberga un sentimento che non dovrebbe provare, un amore più grande del Bene superiore e che lo spinge a porsi delle domande, a indagare se stesso e i propri simili.

Le ombre più scure, a volte, si nascondono proprio dove c’è molta luce. Da quale parte schierarsi?

albero
Lei, per un istante tra le braccia l’attimo dopo un’ombra lontana, lei, luce dell’alba, la cui nudità scorgono solo i ciechi donna libera, donna in catene donna libera, persino dalla libertà, punto dove l’inferno e il paradiso s’incontrano in pace desiderio assoluto e voglia di desiderare, Lilith, albero chinato dal peso dei suoi fiori Lilith, fulmine all’orlo dell’abisso Lilith, tenera nella vittoria, potente nella sconfitta, Lilith, senza certezze, senza bisogni che parla per tutte le donne, che vede, senza mai scegliere che sceglie, senza mai sprecare.
Joumana Haddad
Cosa dicono i fan della saga

Dai lettori

Un viaggio alla scoperta del proprio destino, partendo da un passato lontano, in cui il futuro è stato tracciato, fino a un presente ricco di possibilità, pericoli e colpi di scena.
Una storia unica, originale e una narrazione talmente coinvolgente che mi ha permesso di immergermi nel libro come se fossi li con i protagonisti a vivere tutte le vicende.