Forte come la Morte

È sottile la differenza tra bene e male, quale sceglierai?

14,00 
16,00 
Forte come la Morte

Trama

Il mio tocco, per un umano, potrebbe sembrare un salto in Paradiso, ma in realtà serve ad alimentare la fornace dell’Inferno.
Non sono una dei buoni.
Mi chiamo Lilin, sono una Succuba, una femmina di demone, e tutti conoscono il mio nome.
Mancano pochi giorni alla mia prova, quella che segnerà il mio ingresso nella gerarchia dei demoni adulti e tutta Inferorum Anguem ha grandi aspettative su di me, soprattutto mio padre. È lui ad aver scelto l’umano sul quale dovrò scatenare il mio potere attraverso il Velo dell’inconscio.
Poi lo vedo e niente è come mi aspettavo. Il mio orgoglio, il mio desiderio di primeggiare, di superare la prova e adempiere al mio compito perdono importanza.
So che dovrei solo fare il mio dovere, quello per cui sono stata educata sin dalla nascita, so che disobbedire a mio padre potrebbe equivalere a una punizione eterna dalla quale non avrei scampo, ma resistere a queste emozioni violente che scaturiscono dal nulla mi è impossibile e poi… non sono fatta per l’obbedienza.
Quando, però, il mio mondo si capovolge del tutto riempiendosi di altre strane coincidenze, ho la certezza che dietro ci sia molto più di ciò che sento per lui.
Ci metto poco a comprendere che il patto, quello che tiene insieme la fragile alleanza che abbiamo stipulato con gli angeli, sta per andare in frantumi.
Mi chiamo Lilin, sono un demone e, a quanto pare, dipende da me la salvezza del mondo.

Forte come la Morte
Forte come la Morte
Perciò non diremo che la madre è il ricettacolo di ciò che è generato, visibile e in genere sensibile, sia terra o aria o fuoco o acqua, né altra cosa nata da queste o da cui queste siano nate. Ma non ci sbaglieremo dicendo che è una specie invisibile e amorfa, che tutto accoglie e che in qualche modo molto problematico, partecipa dell’intelligibile ed è molto difficile a comprendersi
Platone, Timeo, 51a
Forte come la Morte
Forte come la Morte

Bene e Male

Da sempre Cieli e Inferi si contendono il mondo e lei non è dalla parte dei buoni.

Bella, orgogliosa e superba Lilin è una Succuba, un demone del sonno.

La sua scalata infernale sta per iniziare, sarà in grado di compiacere il padre e dimostrarsi la degna figlia del Signore dell’Inferno?

È sottile la differenza tra bene e male, quale sceglierai?

Forte come la Morte
Mettimi come sigillo sul tuo cuore, come sigillo sul tuo braccio; perché forte come la morte è l’amore, tenace come gli inferi è la passione: le sue vampe son vampe di fuoco, una fiamma divina. Le grandi acque non possono spegnere l’amore, né i fiumi travolgerlo. Se uno desse tutte le ricchezze della sua casa in cambio dell’amore, non ne avrebbe che dispregio.
Cantico dei cantici, 8: 6-7
Cosa dicono i fan della saga

Dai lettori

Ho apprezzato l'impegno dell'autrice nelle ricerche, e anche la sua capacità di spiegare a parole semplici concetti difficili, rendendo tutto non pesante, ma affascinante agli occhi del lettore.
Molto apprezzato il mondo infernale creato, con descrizioni soddisfacenti e suggestive. Le parole in latino poi, a parer mio, forniscono quel qualcosa in più di elegante e antico che ben si adatta a questa storia!